info@milanoconguida.com 

 Mob. (0039) 3397121828

          Milanoconguida

          Arte Turismo & Passione 

ALLA SCOPERTA DI MILANO

Il circuito delle Case Museo

Sale che raccontano di nobili e fasti antichi, giardini moderni nel cuore della città, 
dimore, mobili e oggetti che parlano di passioni di collezionisti. 

Museo Poldi Pezzoli 

La casa del nobile Giangiacomo, aperta al pubblico dal 1884, è un esempio completo della cultura del collezionismo ottocentesco del suo proprietario: tra armi antiche e armature cesellate, tra ori, vetri e pregevoli mobili intarsiati si trovano anche dipinti di straordinaria levatura realizzati dai maggiori artisti del rinascimento italiano. Restaurata con cura, dell’arredo originale resta lo studiolo privato del conte con la splendida vetrata dantesca.



Museo Bagatti Valsecchi

Una vera passione per il rinascimento ha guidato le scelte dei fratelli Fausto e Giuseppe Bagatti Valsecchi che nell’ arredare la loro dimora hanno inteso costruire uno spazio dove il tempo appare sospeso. Oggetti originali acquistati al mercato antiquario si mescolano a oggetti trasformati, manipolati e addirittura falsi in una ambientazione di affascinante coerenza stilistica.

Casa Boschi Di Stefano

La Fondazione Boschi- Di Stefano presenta una collezione di opere d'arte contemporanea, custodita nell'elegante palazzina in via Jan, costruita da Piero Portaluppi e  per molti anni abitazione del coniugi. Nella Casa Museo, aperta dal 2003, sono esposte oltre duecento opere d'arte raccolte nel corso degli anni da Marieda Di Stefano e Antonio Boschi con passione e lungimiranza, mentre gli arredi sono costituiti da significativi elementi coevi alle opere.







Villa Necchi Campiglio

Il fascino dell’ eleganza e il senso della discrezione dell’ alta borghesia industriale lombarda convivono in questa villa progettata da Piero Portaluppi nel 1935 unendo la bellezza delle forme al meglio dell’ innovazione tecnica di quei tempi. Questa dimora, presa in carico dal FAI che ne ha curato i restauri, si apre al pubblico nel 2008 e accoglie all’ interno, oltre al prezioso arredo originale, anche numerose opere d’ arte del primo novecento provenienti dalle collezioni di Claudia Gianferrari e Alighiero e Emilietta De Micheli.

(Foto  driverforyoumilan)